Ipermercati e … iperinformati

Lo dice il Censis (Centro Studi Investimenti Sociali): gli italiani fanno la spesa nei punti vendita della grande distribuzione, cercano informazioni e poi a loro volta producono informazioni su ciò che hanno consumato – in 20,4 milioni hanno pubblicato post su siti web o social – vorrebbero poter acquistare sempre, giorno e notte, feriali e festivi, facendo lo slalom tra offerte, occasioni, promozioni e anticipazioni, in un’iperbole di alta infedeltà costantemente monitorata dalle “fidelity card”.

Come esperti “gluten free” annotiamo che fra costoro 8,7 milioni acquistano regolarmente prodotti per esigenze particolari (gluten free o per l’infanzia).

Come formatori vediamo la necessità di attività ed eventi di formazione che “ci” aiutino a immaginare, progettare e realizzare “contesti” personali e professionali in cui le informazioni, miriadi, da cui siamo sopraffatti quotidianamente, si aggreghino in modo utile e selettivo a seconda delle reali necessità della persona, così da produrre orientamento e non dispersione, conoscenza e non solo informazione.